jump to navigation

Conosciamo la legge 7 giugno 2000 n. 150 aprile 20, 2009

Posted by adsdc2009 in News.
Tags: , , , , , , ,
trackback

59019

 

Apriamo un dibattito sulla legge 7 giugno 2000 n.150 sulla disciplina delle attività di informazione di comunicazione delle Pubbliche Amministrazioni,  per conoscere l’impianto della normativa, per capire come viene applicata (se viene applicata) richiamando la vostra attenzione in particolare sull’art. 4…

Annunci

Commenti»

1. Giovanna Lepori - aprile 24, 2009

La legge è praticamente disattesa. Sapete dimostrami con esempi concreti dove è stat applicata?

2. Cristina Liguori - aprile 24, 2009

L’applicazione è avvenuta per lo più attraverso l'”arruolamento” di giornalisti amici assunti come addetti stampa e l'”inaugurazione” (sotto campagna elettorale) di URP. Vari i comuni, anche di medie dimensioni come Salerno per esempio, che hanno utilizzato forme e mezzi previsti dalla com. istituzionale. Il punto però mi sembra sia la percezione che noi, laureati in sdc, abbiamo avuto di questi timidi mutamenti legislativi e, soprattutto, il ruolo che abbiamo giocato nella fase in cui si decidevano nuove funzioni e competenze. L’Università era forse, ancora una volta, lontana dal mondo del lavoro.

3. Giuseppe Miceli - aprile 24, 2009

In che senso “l’università era forse,ancora una volta, lontana dal mondo del lavoro”? Grazie collega

Cristina Liguori - maggio 17, 2009

Scusa il terribile ritardo. Mi riferivo al fatto che mentre molti di noi negli anni ’90 preparavano tesi (anche sperimentali) in materia e addirittura su nuove ipotesi organizzative, le PA locali organizzavano ex-novo URP e bandi senza avere neppure in mente la facoltà di SDC.
Tirocinii, stage o altre formule (non oso parlare di bandi e di riconoscimenti di equipollenze che sono un triste capitolo per noi) potevano essere promosse dallo stesso corso di Laurea se solo ce ne fosse stata l’interesse e la volontà.

Giuseppe - maggio 21, 2009

La penso come Te, certamente la comunicazione è e sarà il vero motore dei prossimi decenni, l’università anche in Italia oggi raggiunge altissimi livelli impensabili solo cinque anni fa. La pubblica amministrazione come dici tu è indietro di dieci anni: hai del materiale sui lavori sperimentali ai quali fai riferimento? Grazie mille!

4. Nicola Vitale - maggio 14, 2009

Sebbene molte perplessità sussistano in merito all’implementazione dei precetti della norma, ritenere che le legge sia, in generale, stata disattesa non sembra opinione condivisibile.
Sia nella fase gestionale che in quella di indirizzo politico c’è molta più attenzione agli aspetti di analisi e progettazione relative alla comunicazione probabilmente perchè c’è più consapevolezza che essa – oltre a concretizzare il principio di trasparenza dell’attività della PA – rappresenti uno strumento per includere i cittadini, per coinvolgerli intorno all’interesse generale in alternativa agli strumenti autoritativi di cui dispongono i pubblici poteri (si pensi alle campagne di sensibilizzazione in materia di raccolta differenziata dei rifiuti).
Certo, in alcune amministrazioni – ahimè soprattutto meridionali – la sensibilità di percepire questa grande potenzialità è minore, probabilmente per ragioni di ordine culturale piuttosto risalenti nel tempo.
Saluti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...