jump to navigation

L’ADSDC-Italia DEVE crescere: SE NON ORA QUANDO? marzo 2, 2011

Posted by adsdc2009 in adsdc, associazione dottori in scienze della comunicazione, Blog ADSDC, News, scienze della comunicazione, social network.
Tags: , , , , , , , , , , , , ,
2 comments

Cari Colleghi,

come ben sapete siamo reduci da una mobilitazione  senza precedenti dei laureati e dei laureandi in Scienze della Comunicazione  che hanno conseguito (o stanno conseguendo) il loro titolo accademico nelle università italiane .

Questa protesta assume connotazioni inquietanti  in quanto è stata attuata in risposta a delle affermazioni che per forma e sostanza sono del tutto  inusuali  e pertanto fuori dalla normale prassi comunicativa istituzionale

Infatti, abbiamo insieme respinto questo ennesimo attacco alla nostra reputazione proveniente  da un ministro che in occasione di una importante e seguita trasmissione, con fare sufficiente,  apostrofava i laureati in Scienze della Comunicazione  definendoli come depositari di varie  amenità e perciò poco consistenti in termini di professionalità e di discutibile utilità se consideriamo il contributo ben più significativo dato (a suo dire… ) da parte di altri profili  di laureati (nella fattispecie tecnici)  al contesto Paese .

Abbiamo dimostrato  che questa tesi è totalmente infondata anzi… 

Insieme abbiamo certamente vinto una battaglia ma non la nostra  guerra… 

Nelle pagine di questo sito potrete leggere molti contributi sul tema, questo  e gli altri articoli  collegati,  riassumono bene (con decine e decine di suggerimenti pervenuti attraverso i vostri post) lo stato dell’arte.

Sapete altrettanto bene che le nostre relazioni dal dicembre 2009 ad oggi, hanno avuto  luogo soprattutto attraverso FB dove vi siete iscritti (in oltre cinquemila) chi ai due gruppi, chi alla fan page.

Vi chiedo ora di compiere il secondo passo: quello di iscrivervi alle vostre rispettive macroaree di appartenenza  in maniera tale da permetterci di avere la situazione reale della vostra distribuzione sul territorio nazionale.

Fatto questo saremo in grado di eleggere/designare i quattro referenti delle macroaree che ancora ne sono prive e tutti i responsabili regionali.

Questi sono i link delle sei macroaree che coprono tutte le Regioni italiane:

Toscana Umbria Abruzzo Molise Marche

 

Lombardia Emilia Romagna

 

Valle d’Aosta Piemonte Liguria

 

Trentino Veneto Friuli Venezia Giulia

 

Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia (che seguira Luigi Cristaldi coofondatore dell’Associazione)

Lazio e Sardegna (che seguirò io)

 

Per ogni ulteriore comunicazione seguite sempre il  Gruppo Principale FB

Vi segnalo anche il link della Fan Page

 

Infine,vi comunico che entro i prossimi dieci giorni saremo in grado di ufficializzare la Sede dell’ADSDC-ITALIA e con essa tutte le formalità del caso.

 SalutandoVi, mi permetto di citare un aforisma di Karl Popper il quale scriveva: 

«Il futuro è molto aperto, e dipende da noi, da noi tutti. Dipende da ciò che voi e io e molti altri uomini fanno e faranno, oggi, domani e dopodomani. E quello che noi facciamo e faremo dipende a sua volta dal nostro pensiero e dai nostri desideri, dalle nostre speranze e dai nostri timori. Dipende da come vediamo il mondo e da come valutiamo le possibilità del futuro che sono aperte.»

Vi aspetto tutti.
Luigi Pilloni

ComunicAZIONE, ComuniQuando, ComunitAZIONE febbraio 23, 2011

Posted by adsdc2009 in adsdc, associazione dottori in scienze della comunicazione, Blog ADSDC, scienze della comunicazione, social network.
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,
add a comment

Associazione dottori in scienze della comunicazione italiani

Azioni quotidiane quali aprire l’account di posta elettronica, o autorizzare i commenti inviati a questo blog, o rispondere alle molteplici sollecitazioni che arrivano dai vari “social” connessi all’ADSDC-Italia, mi danno l’opportunità di accostare visioni del mondo diverse ma che hanno in comune la capacità di produrre, leggere e interpretare i codici che governano tali mondi attraverso l’applicazione delle diverse scienze della comunicazione.

Mi riferisco a quanto affermato nel nostro ComunicAZIONE: se non ora quando? in collaborazione con Gloria Neri e al link di Angelo Ventriglia che rimanda all’articolo pubblicato, sempre da Angelo, su ComunitAZIONE di Luca Oliverio: questo spirito di condivisione, differentemente da altri, è l’unico modo che riconosco essere coerente e realmente efficace…
Prima dell’articolo di Angelo vorrei però attirare la vostra attenzione su quanto scrive il nostro Collega Lorenzo Saliu nel suo blog ComuniQUANDO a proposito dei politici giurassici: “… un simile approccio dimostra l’inadeguatezza di una classe politica che non solo ha fatto il suo tempo ma è addirittura fuori dal tempo.
Il mondo è cambiato e chi non ha partecipato al cambiamento disconferma i nuovi linguaggi in quanto non li conosce e riconosce“.

Clicca sulla foto per leggere tutto l'articolo di Angelo

Nel pezzo di Angelo Ventriglia potrete leggere questa frase: “Ora, a me sembra proprio che la comunicazione intesa come pratica sociale ad ampio raggio sia totalmente sconosciuta da chi parla di scienza/e delle comunicazioni, come a far intendere che si possano studiare le trasmissioni di informazioni tra gli esseri umani (lo hanno fatto Shannon e Weaver, ma nel 1948!). Ben altra cosa è quell’attività di negoziazione dei significati, di tipo cognitivo-ermeneutica, condivisa dalla società; un processo di costante scambio simbolico, che può essere studiato con il supporto di scienze umane quali la linguistica, la semiotica, la psicologia, la sociologia”.

 

Concludendo, la Gelmini non ha superato l’esame crediamo sia opportuno per Lei risostenerlo presentandosi al prossimo appello…

Luigi Pilloni

Scienze della Comunicazione dice B.A.S.T.A alla disinformazione e apre a nuovi equilibri gennaio 14, 2011

Posted by adsdc2009 in adsdc, associazione dottori in scienze della comunicazione, Blog ADSDC, News, scienze della comunicazione, social network.
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
21 comments

Associazione dottori in scienze della comunicazione italiani

Con grande piacere ricevo e pubblico il contributo della Prof. Giovanna Cosenza   Presidente della Magistrale in Semiotica  presso il Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna

Questo è   l’articolo completo  leggi, clicca  su ogni link  e diffondi i contenuti a tutta la tua community

Per parte nostra riteniamo particolamente importanti questi contributi e  ci auguriamo che gli stessi vengano ulteriormente arrichiti  da ulteriori suggerimenti e proposte che altri Presidenti  vogliono fare per allineare la “loro” proposta formativa ai migliori standard internazionali in fatto di Comunicazione. Dentro l’università italiana, in taluni casi, le facolta e i corsi di laurea in scienze della comunicazione rappresentano delle vere e proprie eccellenze che  nulla hanno da invidiare alle migliori realtà internazionali.

Infine, mi permetto di dire che con una mobilitazione mai registrata prima,  così forte, sentita e convinta si è raggiunto e superato un punto di non ritorno: è palpitante in tutti noi  la coscienza che più a  nessuno (a qualunque colore appartenga) sarà consentito usare termini fuori luogo parlando di Scienze della Comunicazione senza pagare un caro prezzo in termini di reputazione personale (Gelmini docet) . 

Luigi Pilloni

p.s. E’ di questi giorni la proposta di istituire una sorta di commissione conoscitiva composta da rappresentanti del ministero, presidi, organizzazioni dei laureati e laureandi, imprenditori per uno confronto/scambio di idee su come rendere ancora più efficaci i nuovi paradigmi legati ai temi della comunicazione, vogliamo parlarne concretamente?

Su SDC e le prospettive della laurea  potrebbe interessarti anche questo  contributo di Alessio Viscardi