jump to navigation

ComunicAZIONE, ComuniQuando, ComunitAZIONE febbraio 23, 2011

Posted by adsdc2009 in adsdc, associazione dottori in scienze della comunicazione, Blog ADSDC, scienze della comunicazione, social network.
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,
add a comment

Associazione dottori in scienze della comunicazione italiani

Azioni quotidiane quali aprire l’account di posta elettronica, o autorizzare i commenti inviati a questo blog, o rispondere alle molteplici sollecitazioni che arrivano dai vari “social” connessi all’ADSDC-Italia, mi danno l’opportunità di accostare visioni del mondo diverse ma che hanno in comune la capacità di produrre, leggere e interpretare i codici che governano tali mondi attraverso l’applicazione delle diverse scienze della comunicazione.

Mi riferisco a quanto affermato nel nostro ComunicAZIONE: se non ora quando? in collaborazione con Gloria Neri e al link di Angelo Ventriglia che rimanda all’articolo pubblicato, sempre da Angelo, su ComunitAZIONE di Luca Oliverio: questo spirito di condivisione, differentemente da altri, è l’unico modo che riconosco essere coerente e realmente efficace…
Prima dell’articolo di Angelo vorrei però attirare la vostra attenzione su quanto scrive il nostro Collega Lorenzo Saliu nel suo blog ComuniQUANDO a proposito dei politici giurassici: “… un simile approccio dimostra l’inadeguatezza di una classe politica che non solo ha fatto il suo tempo ma è addirittura fuori dal tempo.
Il mondo è cambiato e chi non ha partecipato al cambiamento disconferma i nuovi linguaggi in quanto non li conosce e riconosce“.

Clicca sulla foto per leggere tutto l'articolo di Angelo

Nel pezzo di Angelo Ventriglia potrete leggere questa frase: “Ora, a me sembra proprio che la comunicazione intesa come pratica sociale ad ampio raggio sia totalmente sconosciuta da chi parla di scienza/e delle comunicazioni, come a far intendere che si possano studiare le trasmissioni di informazioni tra gli esseri umani (lo hanno fatto Shannon e Weaver, ma nel 1948!). Ben altra cosa è quell’attività di negoziazione dei significati, di tipo cognitivo-ermeneutica, condivisa dalla società; un processo di costante scambio simbolico, che può essere studiato con il supporto di scienze umane quali la linguistica, la semiotica, la psicologia, la sociologia”.

 

Concludendo, la Gelmini non ha superato l’esame crediamo sia opportuno per Lei risostenerlo presentandosi al prossimo appello…

Luigi Pilloni

Annunci

Gelmini:”Scienze delle Comunicazioni”… amenità! gennaio 12, 2011

Posted by adsdc2009 in adsdc, associazione italiana dottoriin scienze della comunicazione,comunicazione,adsdc-italia,luigipilloni,codice deontologico, statuto adsdc-italia,www.adsdc-italia.it, News.
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
71 comments

"Scienze delle comunicazioni e altre amenità"

 

Ecco le “amenità” della Gelmini

Chi segue da tempo questo sito, sa bene che non è nostro costume schierarci per questa o quella parte politica. Non lo facciamo neppure oggi, all’indomani della sortita di ieri 11 Gennaio 2011 a Ballarò della Gelmini sulle “Facoltà di scienze delle comunicazioni” che non si occupano di null’altro (secondo Lei) che di “amenità varie”. In Italia, evidentemente, decine di illustri Presidi di altrettante illustri Facoltà Italiane, con migliaia di professori (tra ordinari, associati, a contratto, ricercatori ecc.) uniti a migliaia di laureati e laureandi in scienze della comunicazione (con la e finale… ) non fanno altro che contribuire a riempire di contenuti ameni il già scarso livello del contenitore culturale universitario italiano. Crediamo che dopo Vespa e Sacconi, ci mancava solo la Gelmini per trovare la quadratura del cerchio!!!

Naturalmente, quando la Gelmini riterrà opportuno migliorare la sua comunicazione, in tanti, gratuitamente, saremo pronti a darle una generosa mano.

Luigi Pilloni

p.s. L’ADSDC-Italia è disponibile ad aprire un dibattito con chiunque abbia cose serie da dire. La buona pratica comunicativa è garanzia di pluralismo, di giustizia sociale e di democrazia: forse è questa funzione a dare particolare fastidio al manovratore di turno? Il dubbio ci pare legittimo!